Astro Nascente - Adozione e Origini Biologiche

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home

CONOSCERE LE NOSTRE ORIGINI BIOLOGICHE:

diritto sancito dalla Corte europea dei diritto dell'uomo e riconosciuto dalla
Corte costituzionale con sentenza n. 278 del 22 novembre 2013!!  

Due diritti a confronto: da una parte una donna che vuole partorire in anonimato, dall'altra un figlio che desidera conoscere le proprie origini biologiche. Come trovare il giusto bilanciamento?

ASTRO NASCENTE nasce col principale obiettivo di far modificare l'attuale legge sulle adozioni affinché venga finalmente applicato il DIRITTO DI ACCESSO ALLE ORIGINI BIOLOGICHE DELLA PERSONA NON RICONOSCIUTA ALLA NASCITA riconosciuto dalla CORTE COSTITUZIONALE con SENTENZA n. 278 del 22 novembre 2013.

 
Luca ti aspettiamo
Una madre cerca suo figlio: non lo vede da 33 anni. Luca, se questo è ancora il suo nome, aveva poco più di un anno quando fu dato in adozione contro la volontà della madre....
Guarda il video...


 
Da Urbino a Roma: una storia di casta che nessuno vuole raccontarvi
Urbino

Se siete nati ad Urbino tra il 1908 ed il 1960 e volete consultare i fascicoli riposti nell’Archivio di Stato Civile, non vi resta che armarvi di tanta pazienza (e non pochi soldini) ed iniziare una vera e propria via crucis burocratico-legale.
Leggi tutto...

di Germano Milite


 
Badge Facebook
 

ASTRO NASCENTE
Adozione e Origini Biologiche

associazione no-profit

Segr.: 06.86390344



C'ERANO UNA VOLTA DUE DONNE
C’erano una volta due donne che non si erano mai incontrate:
una che tu non ricordi,
l’altra che tu chiami “mamma”.

Due vite differenti
nel completamento di una sola: la TUA.
Una era la tua buona stella,
l’altra era il tuo sole.

La prima ti diede la vita,
la seconda ti insegnò come viverla.
La prima creò in te il bisogno d’amore,
la seconda era lì per colmarlo.


Una ti diede le radici,
l’altra ti offrì il suo nome.
La prima ti trasmise i suoi doni,
la seconda ti propose un obiettivo.

Una fece nascere in te l’emozione,
l’altra calmò le tue angosce.
Una ricevette il tuo primo sorriso,
l’altra asciugò le tue lacrime.

Una ti offrì in adozione,
era tutto quello che poteva fare per te;
l’altra pregò per avere un bambino
e Dio la portò verso di te.

E ora, quando piangendo,
tu mi poni l’eterna domanda:
eredità naturale o educazione,
di chi sono il frutto?

Né dell’una né dell’altra, bambino mio.
Semplicemente di due differenti forme d’amore.

(Madre Teresa)


INNO A ISIDE
Perchè io sono la prima e l’ultima,
Io sono la venerata e la disprezzata,
Io sono la prostituta e la santa,
Io sono la sposa e la vergine,
Io sono la madre e la figlia,
Io sono le braccia di mia madre,
Io sono la sterile, eppure numerosi sono i miei figli.
Io sono la donna sposata e la nubile,
Io sono colei che dà la luce e colei che non ha mai procreato,
Io sono la consolazione dei dolori del parto.
Io sono la sposa e lo sposo,
E fu il mio uomo che mi creò.
Io sono la madre di mio padre,
Io sono la sorella di mio marito,
Ed egli è il mio figliolo respinto.
Rispettatemi sempre,
Poichè io sono la scandalosa e la magnifica.

(Ignoto)



MAMMA
Tu, prima vista  primo cibo, primo sole.
Sostegno e ricchezza,
guida e rifugio,
consigliera e conforto.
Tu, ultimo aiuto, utima speme, ultima voce.

(E. Balla)


FUTURO
A otto anni ho smontato il futuro,
ci ho guardato dentro, l'ho smontato e l'ho fatto a pezzi.
I suoi pezzi li ho buttati nella discarica abusiva, inutili,
e della scatola ne ho solo un grigio ricordo.
La formula?
Qualcuno l'ha fumata in un pacchetto di sigarette
chiedendo l'elemosina.

(G. Torriglia)


Home